COVID-19 - CORONAVIRUS: NOTIZIE IMPORTANTI E AVVISI

Misure per il contrasto e il contenimento sul tutto il territorio nazionale regionale del diffondersi del virus COVID-19.

COVID-19 - CORONAVIRUS: NOTIZIE IMPORTANTI E AVVISI

Dettagli della notizia

In ottemperanza al D.P.C.M. 11.03.2020 ed a quanto previsto al paragrafo 7 della Direttiva n° 2/2020 del Ministro per la P.A., la Residenza Municipale e gli Uffici Comunali, anche periferici, resteranno chiusi per tutto il periodo dell’emergenza sanitaria in corso e comunque fino a nuova disposizione, fatto salvo il solo accesso, limitato ad una sola persona per volta per singolo ufficio, esclusivamente per richieste e/o procedure urgenti ed indifferibili, previo appuntamento telefonico o via email, utilizzando i recapiti telefonici e gli indirizzi di posta elettronica di seguito indicati:

Telefono: 0833596521-2

Indirizzi pec:
protocollo.tuglie@pec.rupar.puglia.it
poliziamunicipale.tuglie@pec.rupar.puglia.it

Indirizzi mail:
affarigenerali@comune.tuglie.le.it
servizifinanziari@comune.tuglie.le.it
urbanistica@comune.tuglie.le.it
lavoripubblici@comune.tuglie.le.it
anagrafe@comune.tuglie.le.it

-------------------------------------------------------

Nuove restrizioni per tutta l’Italia sono state varate con un dpcm firmato l’11 marzo dal presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, per fronteggiare il contagio di nuovo coronavirus. Le disposizioni del decreto saranno in vigore da oggi fino al 25 marzo.

Chiudono i negozi (eccetto alimentari, farmacie, parafarmacie, tabaccai, edicole, benzinai)
Il dpcm sospende le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per quelle che vendono beni di prima necessità individuati nell'allegato 1 al documento (dalle farmacie ai tabaccai, edicole, benzinai). Sono chiusi anche i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari.

Stop a bar e ristoranti
Resta consentita invece la consegna a domicilio di cibi. Rimangono aperti anche i posti di ristoro lungo le autostrade e all’interno di stazioni, aeroporti e ospedali (sempre garantendo il metro di distanza tra le persone), le mense e il catering continuativo su base contrattuale a condizione che garantiscano il metro di distanza interpersonale.

Chiusi estetisti e parrucchieri
Parrucchieri, barbieri, estetisti devono sospendere la propria attività. Restano aperti invece i servizi di lavanderia e di pompe funebri (come specifica l'allegato 2).

Banche, poste e uffici pubblici aperti
Restano garantiti anche i servizi finanziari, assicurativi nonché l'attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi.

Possibili limitazioni dei trasporti
I presidenti delle Regioni possono ridurre i trasporti pubblici locali. Inoltre, il ministero delle Infrastrutture, di concerto con quello della Salute, può disporre la riduzione delle corse dei treni, dei voli e dei trasporti marittimi.

Favorire il lavoro agile il più possibile
Il Dpcm invita le aziende a incentivare ferie, congedi retribuiti e lavoro agile. Non fa eccezione la pubblica amministrazione, che deve assicurare lo smart working, a esclusione dei servizi indifferibili da rendere al pubblico.

Alle imprese è raccomandato di rispettare i protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale.

-------------------------------------------------------

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm 9 marzo 2020 recante nuove misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull'intero territorio nazionale.

Il provvedimento estende le misure di cui all'art. 1 del Dpcm 8 marzo 2020 a tutto il territorio nazionale. È inoltre vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico. In ultimo, è modificata la lettera d dell'art.1 del Dpcm 8 marzo 2020 relativa agli eventi e manifestazioni sportive.

Tali disposizioni producono effetto dalla data del 10 marzo 2020 e sono efficaci fino al 3 aprile 2020.

-------------------------------------------------------

Si informa la cittadinanza che con Ordinanza del Presidente della Regione Puglia, tutti gli individui che hanno fatto ingresso in Puglia, con decorrenza dalla data del 07/03/2020, provenienti  dalla Lombardia e dalle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell'Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e  Venezia, per rientrare e soggiornare nel proprio domicilio, abitazione o residenza, hanno l'obbligo:

  • di comunicare tale circostanza al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta o all'operatore di sanità pubblica del servizio di sanità pubblica territorialmente competente;
  • di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni;
  • di osservare il divieto di spostamenti e viaggi;
  • di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza;
  • in caso di comparsa di sintomi, di avvertire immediatamente il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta o l'operatore di sanità pubblica territorialmente competente per ogni conseguente determinazione.

La mancata osservanza degli obblighi di cui alla presente ordinanza, comporterà le conseguenze sanzionatorie come per legge (art. 650 c.p., se il fatto non costituisce più grave reato).

-------------------------------------------------------

Il Centro Operativo nazionale, attivato per la gestione della c.d. “emergenza coronavirus-covid19” ha trasmesso ai Comuni indicazioni operative ai fini di ottimizzare le iniziative intraprese a livello territoriale. Tra queste la richiesta di pubblicazione sui siti istituzionali dei "canali di informazione corretta alla popolazione", i cui link sono di seguito elencati:

MINISTERO DELLA SALUTE
http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA’
https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/

ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’ OMS
https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019

Per le informazioni relative al territorio della Regione Puglia si invitano i cittadini a consultare la seguente pagina web, attivata dalla Regione Puglia, che contiene le informazioni relative al territorio regionale: http://www.regione.puglia.it/coronavirus/.

Numeri da contattare

1500 - Numero di pubblica utilità
Il numero di pubblica utilità 1500 è stato attivato per informazioni di carattere generale sul Coronavirus 2019-nCoV.
Rispondono dirigenti sanitari e mediatori culturali dalla Sala operativa del Ministero della Salute.

800 713931 - Numero verde
Per informazioni contattare il numero verde, attivo tutti i giorni dalle 8.00 alle 22.00.

Il proprio medico curante
I residenti devono contattare il proprio Medico di Medicina Generale (MMG) o il Pediatra di Libera Scelta (PLS):

  1. per segnalare il proprio rientro da regioni o province con focolaio;
  2. se sono presenti sintomi respiratori (febbre, tosse secca, mal di gola, difficoltà respiratoria).

Il Servizio Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione dell'Azienda Sanitaria Locale (ASL)
I non residenti e le persone prive di Medico curante che provengono da regioni o province con focolaio devono contattare il Servizio Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione dell'Azienda Sanitaria Locale territorialmente competente per permettere l'esercizio dei poteri di sorveglianza. I riferimenti sono disponibili sul portale regionale.

Alleghiamo, inoltre, documenti e provvedimenti adottati al riguardo dagli organi competenti.

Immagini della notizia

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Commenta la seguente affermazione: "ho trovato utile, completa e corretta l'informazione."
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
X
Torna su